CLIMBING PASSION!

La scuola di alpinismo Guido Machetto vi invita ad una serata tutta dedicata all’arrampicata!

In occasione della presentazione del 33° corso di arrampicata di base e del 8° corso di perfezionamento su roccia, Lorenzo  Pozzo e Mauro Penasa ci racconteranno la bellezza della scalata su roccia con le immagini dei loro svariati viaggi!

Una bella serata in cui sarà possibile avere informazioni dettagliate sui nuovi corsi in partenza;

il corso di arrampicata base, dedicato ai principianti o a chi voglia acquisire maggiore sicurezza nelle manovre e durante l’arrampicata, ed il corso di perfezionamento rivolto a chi, già in possesso di una buona tecnica, voglia affinare le proprie capacità, con un occhio di riguardo verso l’arrampicata in fessura!

Vi aspettiamo il 5 settembre alla Sala Congressi Biverbanca in via Carso 15 alle ore 21.

Per iscriversi al corso è necessario compilare il modulo di iscrizione scaricabile alla pagina Corsi e iscrizioni e seguire una delle procedure indicata.

Corso Alpinismo di Base 2019

Da venerdì 12 aprile 2019 sono aperte le iscrizioni al 35° corso di Alpinismo di Base.

Giovedì 11 aprile 2019 presso l’Auditorium Città Studi Biella, in via Pella 2/b alle ore 21:00, si terrà la serata di presentazione durante la quale ci si potrà iscrivere e ricevere maggiori informazioni sul corso.

Le domande di iscrizione potranno pervenire anche presso la sede del CAI di Biella entro il 7 maggio 2019 ( orario di apertura: martedì e venerdì, Dicembre – Aprile dalle 17 alle 19 e dalle 21 alle 22.30, Maggio – Novembre dalle 17 alle 19).

Per iscriversi al corso è necessario compilare il modulo di iscrizione scaricabile alla pagina Corsi e iscrizioni e seguire una delle procedure indicate.

Maggiori informazioni e dettagli sulle date e sulle uscite potete trovarle nella brochure dedicata.

Corso di cascate di ghiaccio 2019

A partire da giovedì 6 dicembre 2018 sono aperte le iscrizioni al 18° corso di arrampicata su cascate di ghiaccio.

Martedì 8 gennaio 2019 presso Auditorium dell’Università Aziendale del Gruppo Sella,
in via Corradino Sella 6 (BI) alle ore 21:00, si terrà la consueta serata di presentazione durante la quale ci si potrà iscrivere e ricevere maggiori informazioni.

Le domande di iscrizione potranno pervenire anche presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura: martedì e venerdì dalle 18.00 alle 19.30 e dalle 21 alle 22.30) entro il 15/01/18.

Per iscriversi al corso è necessario compilare il modulo di iscrizione scaricabile alla pagina Corsi e iscrizioni e seguire una delle procedure indicata.

Maggiori informazioni e dettagli sulle date e sulle uscite potete trovarle nella brochure dedicata.

Allegati

Corso di arrampicata su roccia 2018

Giovedi 6 settembre, ore 21:00 presso la sala Congressi BIVERBANCA di via Carso 15 in occasione presenteremo il 32° corso di arrampicata su roccia, dedicato ai neofiti della disciplina sarà nostro ospite Luca Schiera, giovane e forte “ragno di lecco” che ci racconterà alcune delle sue esperinze di arrampicata.

Le domande di iscrizione si riceveranno durante la serata o presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura: martedì e venerdì dalle 18 alle 19.30 e dalle 21 alle 22.30) .

Scarica e compila i moduli per iscriverti al corso:

a) curriculum; b) dom iscrizione; c) liberatoria

 

 

 

Con gli occhi di Pier

Siamo pronti per cominciare il nuovo corso di alpinismo di base! Per darvi un assaggio dell’esperienza pubblichiamo il racconto personale di Pier, ex allievo CAI 2017….se avete ancora dubbi leggete qui e correte a iscrivervi!

Ricordiamo che la presentazione del Corso di alpinismo 2018 sarà martedì 8 maggio presso la sala convegni della Biverbanca – Biella, Via Carso 15 alle ore 21:00.

 I conquistatori dell’inutile – Versione “nano”

“Guarda che sono sicuro che a te piace l’alpinismo… la falesia è bella, sì ok, ma fidati… la montagna vera è un’altra cosa.”

 

Così mi diceva l’amico Edo, istruttore del corso di Alpinismo alla scuola Machetto di Biella… “La montagna vera è un’altra cosa”. Prima dello scorso anno, a parte qualche tiro di arrampicata non avevo mai fatto grandi cose in montagna, né mai provato a esplorare limiti che fossero oltre quel tiro un po’ più duro in falesia. Da qualche tempo però, avevo ripreso a frequentare la montagna con più assiduità e cominciavo ad accarezzare l’idea di esplorare nuovi orizzonti. Così a fine anno, a 35 anni suonati, metto gli sci ai piedi quasi per la prima volta, con un nuovo pallino del tutto sulla carta: lo scialpinismo, mai nemmeno visto fare prima. Mi accorgo presto di dover rinunciare al relativo corso in partenza di lì a poco, prima bisogna imparare a sciare, ma rapito dai suoi racconti sulla mitica gara, decido di seguire un amico che partecipa al trofeo Mezzalama, che mi spiega essere una gara non solo di scialpinismo ma di alpinismo vero! Carico dei suoi racconti lo seguo alla partenza e quando verso le 6 del mattino il cielo si rischiara e la luce comincia a tracciare profili sulle montagne di Cervinia, rimango estasiato dall’imponenza delle vette che mi circondano. Quella stessa sensazione di rapimento della prima volta che ho ammirato la forza dell’oceano infrangersi sugli scogli. Lì a Cervinia, guardando le guglie affilate, il grigio della dura pietra e il bianco della neve, ho capito che avrei voluto godere di tutto ciò. Non ci avevo mai pensato prima e tutt’a un tratto era chiaro e tangibile: voglio fare un corso di Alpinismo.

Abitando a Torino provo alla storica scuola Gervasutti; tutto pieno. Provo al CAI Uget la sera dopo; tutto pieno anche lì. Non mi arrendo, il desiderio è tale che prendo il telefono e chiamo Edo l’amico biellese. I numeri sono alti anche lì, mai vista tanta affluenza… ma c’è ancora posto. Penso alla distanza, alla scomodità delle lezioni, ma sono più spaventato dal saltare l’anno che dai chilometri da percorrere… si può fare, mi iscrivo!
Il corso inizia ed è subito molto interessante, a partire dalle lezioni tecniche in aula e in palestra. I nodi, le manovre, i diversi tipi di sosta, la sicurezza e le diverse progressioni possibili in cordata, tutte nozioni che prima assimiliamo in settimana per poi provare dal vivo nelle sempre diverse uscite del week end. Tra queste, le prime sono di arrampicata classica; si parte dalle basi, con i pazienti istruttori che spiegano e rispiegano i nodi. Tutti, più esperti e novellini della parete, ci infiliamo le scarpette e ci cimentiamo con la roccia. Dapprima sulle amichevoli placche di Traversella e poi in vere vie lunghe di più tiri nella suggestiva cornice di Scalaro.


Ora si entra nel vivo. La prossima gita è a Ailefroide, il paradiso del montanaro; un’area stupenda situata non molto oltre il confine in territorio francese, dove praticare ogni disciplina sportiva in quota. La nomea del posto è giustificata, la nostra prima due giorni è al top. Sabato ci cimentiamo con rinomate vie lunghe sul bel calcare d’oltralpe, per proseguire con cena conviviale e notte in campeggio. Tutti a nanna, domani sarà per molti, me compreso, il battesimo del ghiaccio. Così la notte mi trovo a rigirarmi nel sacco a pelo, agitato come un bambino prima di andare a Gardaland. L’indomani dopo un paio d’ore di cammino è neve e poi ghiaccio; la lingua prominente del Glacier Blanc si mostra in tutta la sua bellezza. Calziamo i ramponi e ci viene insegnato come legarci e come muoverci sulla nuova superficie, come gestire le difficoltà, come intervenire in caso di cadute e altre tecniche interessanti, e i più temerari trovano il coraggio di trazionare come disperati, nel tentativo di eseguire una parvenza di Piolet traction, sulla ripida parete laterale del ghiacciaio.
La settimana successiva si torna sulle montagne piemontesi e dopo il pernottamento al rifugio Coda, si affrontano le creste rocciose di Carisei e Innominata, due stupende vie da eseguire per lo più in conserva tra grandi gendarmi di pietra. Tra uno sprono e un incalzo del grande Mauro, riusciamo nell’impresa e dopo molte ore di salita e di discesa, sfiniti ma pienamente soddisfatti, riprendiamo la via di casa.
La settimana successiva è tempo nuovamente di calzare i ramponi. Questa volta non solo non dormo la notte prima, ma sono agitato dal lunedì. Qui non si tratta più di Gardaland, questa per me e’ la fabbrica di cioccolato di Willy Wonka, il battesimo dei 4.000 sul Monte Rosa! Partiamo presto e con la funivia saliamo rapidamente fino a raggiungere Punta Indren. Ci prepariamo e ci leghiamo. Sono tra i fortunati che saliranno la Cresta del soldato. Attraversiamo il ghiacciaio; la quota si fa sentire e con lei la fatica, ma l’ambiente è stupendo. Dopo un paio d’ore arriviamo all’attacco della via di roccia in quota, da percorrere tutta in cresta con passaggi in conserva e in arrampicata e dopo un altro paio d’ore di fatica ci siamo! La punta Giordani con i suoi 4.046 m è nostra. E da qui il panorama è semplicemente immenso.
Per l’ultima uscita ci dirigiamo in Val d’Aosta e dopo una lunga ma bellissima camminata nel vallone panoramico della Valpelline, arriviamo al rifugio Nacamuli, quota 2.800 metri. La notte è breve (o la sveglia è presto), 4:30 in piedi e colazionati. Il cattivo tempo ci costringe a ritardare l’uscita, ma dopo un’oretta ci prepariamo con imbrago e piccozza per dirigerci alla Punta Kurtz. Stavolta non siamo baciati dal sole come per il resto delle uscite. Arriva la nebbia, avvolge le cime e dunque noi. Poi la neve, fine e dura, che insieme al vento freddo si fa sentire ficcante sulla faccia. Arriviamo alla punta e vorremmo proseguire per la successiva, ma la visibilità si riduce sempre più e dopo un breve consulto gli istruttori decidono per il rientro. Ma non mi dispiace, anche questa è montagna e anche questa è lezione. Finora eravamo stati fortunati con il meteo, ma bisogna anche sapersi ritirare se serve; e la sicurezza è uno dei principi che più ci sono stati insegnati. Ci avviamo verso casa e con il ritorno si avvicina la fine del corso.
Non avevo mai pensato di seguire un corso di alpinismo e quando l’ho cominciato, mai avrei immaginato di vedere posti così belli, sentirmi soddisfatto per le scalate compiute, attraversare un ghiacciaio e poi la nebbia della montagna vera, toccare i 4.000!!
Per tutto questo, mi permetto a nome di tutto il gruppo, di ringraziare di cuore gli istruttori della scuola, che sacrificano sabati e domeniche di tempo libero e di possibili buone avventure, per accompagnare noi, “nano” conquistatori dell’inutile a compiere piccole gite, che per noi sono grandi imprese. Grazie per quello che ci avete insegnato, per la pazienza e soprattutto per le emozioni che ci avete permesso di provare.
(E alla fine mi è toccato dargli ragione. La montagna vera era un’altra cosa…e il bello deve ancora venire)
Pier

Corso di ALPINISMO DI BASE 2018

Dal 16 maggio al 24 giugno 2018 si terrà il 34° corso di alpinismo di base. Sette lezioni teoriche e sei uscite pratiche, tre su roccia e tre su ghiaccio.

Una bella occasione per prendere confidenza con la pratica di questa stupenda disciplina.

La presentazione del corso sarà martedì 8 maggio presso la sala convegni della Biverbanca – Biella, Via Carso 15 alle ore 21:00. Durante la serata saranno proiettate le immagini del corso di alpinismo dell’anno passato e sarà l’occasione per poter ricevere tutte le informazioni sul nuovo corso. Avremo come ospite Sergio De Leo con cui condivideremo la sua proiezione “Big Wall – ghiaccio neve e roccia tra le Alpi e la Patagonia“.

Le domande di iscrizione si riceveranno durante la serata o presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura fino ad aprile: martedì e venerdì dalle 17 alle 19 e dalle 21 alle 22.30;  da maggio a novembre: martedì e venerdì dalle 17 alle 19).

Scarica il programma del corso

Scarica e compila i moduli per iscriverti al corso:

a) curriculum; b) dom iscrizione; c) liberatoria

Se volete farvi una idea più chiara di cosa sia un corso di alpinismo potete leggere il racconto di Pier, allievo del corso 2017.

Corso di arrampicata su cascate di ghiaccio 2018

A3 GHIACCIOA partire da giovedì 7 dicembre 2017 sono aperte le iscrizioni al 17° corso di arrampicata su cascate di ghiaccio.

Martedì 9 gennaio 2018 presso i saloni di Biverbanca in via Carso (BI) alle ore 21:00, si terrà la consueta serata di presentazione durante la quale ci si potrà iscrivere e ricevere maggiori informazioni.

Le domande di iscrizione potranno pervenire anche presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura: martedì e venerdì dalle 18.00 alle 19.30 e dalle 21 alle 22.30) entro il 16/01/18.

Per iscriversi al corso è necessario compilare tutti e tre i moduli disponibili nella pagina Documenti e materiale didattico e portare fototessera, certificato medico non agonistico e quota di iscrizione.

Maggiori informazioni e dettagli sulle date e sulle uscite potete trovarle nella brochure dedicata.

 

Allegati

Presentazione dei corsi di arrampicata 2017

Locandina A3Giovedi 7 settembre, ore 21:00 presso la sala Congressi BIVERBANCA di via Carso 15 la scuola organizza una serata tutta dedicata all’arrampicata su roccia, con immagini, racconti ed idee per arrampicare e viaggiare in Sicilia, sud della Francia e Grecia continentale.

In questa occasione presenteremo il 31° corso di arrampicata su roccia, dedicato ai neofiti della disciplina, e il 6° corso di perfezionamento su roccia, un ottima occasione per chi voglia avvicinarsi all’arrampicata ad incastro e più in generale all’avventuroso mondo della scalata “trad”.

Le domande di iscrizione si riceveranno durante la serata o presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura: martedì e venerdì dalle 18 alle 19.30 e dalle 21 alle 22.30) .

Scarica e compila i moduli per iscriverti al corso:

a) curriculum; b) dom iscrizione; c) liberatoria

 

 

Alpinismo 2017

alpinismo 2017

Guarda le foto

Anche quest’ anno si è concluso con un’allegra cena fra allievi, istruttori, amici e parenti il 33° Corso di Alpinismo di Base.

Il Corso ha avuto un cospicuo numero di iscritti che ha contribuito a creare un affiatato e simpatico gruppo di allievi determinati nell’imparare e migliorare le tecniche alpinistiche per affrontare in sicurezza le pareti di roccia e gli ambienti glaciali.

Le uscite si sono svolte tutte con regolarità grazie al bel tempo, forse anche “troppo bello”, potendo quindi mettere in pratica al meglio le metodiche illustrate durante le lezioni teoriche.

Il modulo di roccia si è svolto prima in Val Chiusella su vie adatte anche ai neofiti, poi nel vallone di Scalaro alla ricerca di qualche grado più audace, quindi a Briancon nel massiccio del Pelvoux dove in 2 giorni abbiamo affrontato vie di roccia un giorno e finalmente abbiamo calzato i ramponi per la prima uscita di tecnica di ghiaccio.

Tornati sulle nostre montagne abbiamo pernottato al rifugio Coda, dove ospitalità e simpatia hanno caratterizzato la serata, per affrontare poi la Cresta Carisei o la via Innominata fino in punta al Monte Mars. Continua a leggere

Corso Alpinismo di Base 2017

corso alp 2017 locandinaDal 10 maggio al 25 giugno 2017 si terrà il 33° corso di alpinismo di base. Sette lezioni teoriche e sei uscite pratiche, tre su roccia e tre su ghiaccio.

Una bella occasione per prendere confidenza con la pratica di questa stupenda disciplina.

La presentazione del corso sarà giovedì 4 maggio presso la sala convegni della Biverbanca – Biella, Via Carso 15 alle ore 21:00. Durante la serata saranno proiettate le immagini del corso di alpinismo dell’anno passato, sarà l’occasione per poter ricevere tutte le informazioni sul corso 2017 e avremo come ospite la guida alpina Gianni Predan che ci racconterà delle sue avventure sulle vette della Nuova Zelanda.

Le domande di iscrizione si riceveranno durante la serata o presso la sede del CAI di Biella (orario di apertura: martedì e venerdì dalle 18 alle 19.30 e dalle 21 alle 22.30) a partire da venerdì 14 aprile.

Scarica il programma del corso

Scarica e compila i moduli per iscriverti al corso:

a) curriculum; b) dom iscrizione; c) liberatoria